giovedì 31 gennaio 2013

Aria di nuovo

Lo so, lo so che fuori non è ancora primavera ma dentro di me è già arrivata e questa è una primavera specialissima.
Ques'anno per me sarà un anno importante, i numeri lo dicono, l'oroscopo non so ma il mio campanello mistico tintinna e lo fa ogni tre o quattro anni circa :)
Il mio negozio si chiama All White ID Concept. Si chiama così non perchè mi piacessero come stavano i caratteri in vetrina ma perchè per me il bianco è un concetto, un modo di vivere. Avevo poco più di vent'anni quando ho aperto e l'ho fatto in un momento in cui nessuno ancora parlava di shabby, quando le uniche cose francesi che uno poteva avere in casa erano mobili antichi o poco più, quando le uniche cose tutte bianche che si vendevano erano quelle dell'omonima porcellana e anch'esse servivano per esser dipinte.
La mia era una scommessa perchè non c'era nulla di simile. E ricordo ancora la signora che da fuori dalla porta mentre stavo dipingendo il pavimento di bianco con un pennello mi urlò: " che coraggio"e io ho sorriso. Perchè il mio campanello tintinnava e sapevo che avevo puntato sul cavallo giusto.
Ho aperto in un paese che non conoscevo molto, al ritorno da viaggi di studio in città lontane. Non conoscevo nessuno e ho scelto una delle vie meno battute di tutta la zona. Trentacinque metri quadri con una piccola finestra e una vetrina di un metro o poco più. Ed ho scommesso. Su me stessa e su quanto avevo imparato, visto ... assaggiato.
Sono ancora qui.
Quante cose sono cambiate, quante tendenze, stili, mode...e All White è sempre stato il primo, avete avuto le novità di tutto il mondo sempre in anteprima.
E' così anche adesso perchè il mio negozio dev'essere un posto dove trovare serenità e gioia ma anche un posto dove stupirsi.
Sono una progettista, il mio lavoro è sempre stato quello di disegnare e pensare. Lo faccio partendo da fogli bianchi. Questo è il mio concetto. Rinnovarsi e tener bene in mente che nulla è per sempre e che tutto è in evoluzione. Il vento non si ferma con le dita. Dunque la mia primavera 2013 è iniziata e come sempre i cambiamenti iniziano perchè ci è stufati di qualche cosa o semplicemente perché il tempo è cambiato.
Ho deciso che è il momento di ricominciare perchè ho importato da tutto il mondo qualunque cosa. Ho acquistato centinaia di aziende diverse, ho provato, sperimentato, cambiato. Credo siano poche le ditte che mi sono mancate e se non le ho acquistate c'è sempre stato un motivo, non perchè mi fossero scappate. In questo periodo i negozi come il mio si sono moltiplicati, le tendenze internazionali, i blog, le riviste, le manifestazioni hanno reso popolare uno stile che prima era solo di nicchia dunque è ora di cambiare. E' giunto il tempo di cercare quello che sarà il futuro perchè quando le cose diventano troppo viste a noi non piacciono più perchè vogliamo cose SPECIALI, vogliamo sapere come sarà il futuro.
Sono tornata in una città che sembra sparita. Il freddo, i malumori, la poca voglia sta coprendo tutti come un velo di nebbia e io non ci sto.
Voglio di nuovo la primavera, quella fatta di progetti e lo sfriccicorino della novità e vedervi felici quando uscite da qui. Questa sarà la mia missione 2013, un angolo dove ricaricarsi, dove ritrovare la voglia di cominciare nuove cose.
Voglio che il mio negozio sia una macchia luminosa in mezzo a tutto questo bianco e nero.
Voglio novità. E non parlo della nuova collezione di qualche azienda.
Voglio emozioni e sono certa di trovarle.

Mi sono presa un periodo per pensare e ancora lo sto facendo. Sto cercando. Sto immaginando. I fogli bianchi sono tornati sulla mia scrivania. Sarà un processo lungo ma è iniziato e vi poterò con me.

All White ricomincia.
E' tempo.
Ricomincia e questa volta lo fa partendo dai segreti, sfoderando dal cilindro piano piano, un pò alla volta, cose che nessun'altra potrà mai avere...se non comprando fagioli magici... perchè questa volta abbiamo acquistato direttamente in un'altra dimensione, quella della magia...dateci tempo, le consegne dal Paradiso sono impegnative, nel frattempo cominciano arrivare le cose che ci servono, quelle che mancavano da un po', quelle che staranno bene anche con i prossimi oggetti magici.


Un bacio scintillante










sabato 26 gennaio 2013

Tornata!

Di nuovo a casa ragazze! Sotto un metro di coperte... Jet lag disastroso... Ma ho sbirciato in magazzino, nuovi arrivi da america, francia e belgio: finalmente alzatine! .. fabulose ( ! ) decori per dolcetti, piatti della nonna, saponi e saponette...profumi...la nuova collezione sta arrivando, perché ho già il cuore in primavera! ( disse facendo spuntare solo naso e iPhone da sotto il piumino). Continuo con la mia collezione di colori felici...strada buona non si cambia ;)
Carina la foto che ri posto dei cucchiaini del post sui colori felici, una bella idea da copiare. Anzi ve ne lascerò alcune, piccole semplici idee a costo zero da abbinare a gli oggetti che ho trovato per voi.




E vi lascio un consiglio, il blog qui sotto, sempre pieno di foto con oggetti All White.

Domani sarà una domenica di lavoro, per ultimare le rifiniture del nuovi ordini in arrivo, non vedo l'ora!

Bacio



domenica 20 gennaio 2013

Chiocciola o lumaca

Siamo a metà della nostra permanenza in Thailandia e le idee cominiciano a chiarirsi. Il paese è davvero unico, paesaggi, fauna e flora sono strepitosi. Ogni giorno una sorpresa, uno scorcio, una farfalla gigantesca che ti si appoggia sullasciugamano, il reef che quasi affiora a pochi metri dalla riva di una spiaggia di un bianco quasi accecante. La nostra vacanza prevede una road map con pochi accorgimenti: evitare i turisti il più possibile, se indispensabile farlo in maniera rapida, come se noi non appartenessimo a questa categoria...effettivamente non mi semto di volermi mischiare con questi turusti che sfruttano persone e animali, sporcano, umiliano, distruggono. Con gli accorgimenti di tripadvisor e la buona lo lonley planet forse ci stiamo riuscendo visto che fino ad oggi abbiamo incontrato solo due italiani ;)
Abbiamo visitato uno splendido lungo mare isolato, famoso tra i locali per la possibiltà di abbuffate di pesce poco ripetibili, i pescatori vendono infatti ogni ben di dio su piccole bancarelle stracolme di specie nemmeno mai viste. Tu scegli, paghi e poi attraversi la stradina di terra battuta e te lo fai cucinare come vuoi. Inutili altri commenti. Oggi invece siamo stati al nord passando per paesini fatti di baracche dove ognuno vende qualcosa, frutta, bibite, uccelli colorati... Il viaggio da passeggera mi ha dato modo di pensare a quanto la vita possa prendersi in molti modi, a come si possa essere lumaca o chiocciola. Perché vedete qui non ci sono case come le intendiamo noi, sono tettoie, baracche, tende, le ville sono solo fatte in muratura ma poco più di 30 metri quadri. Due magliette stese, un sidecar parcheggiato e dentro un letto con un fornello appoggiato sugli scalini, e sono felici. A volte la vita bisogna saper farsela bastare. Il pensare di non avere una casa, un "cuccio" caldo ed accogliente mi fa mancare il fiato. Sono una chiocciola ed ho bisogno di un armadio segreto. Alla fine del nostro viaggio ecco le spiagge. deserte, nel vero senso della parola. Nessuno. Acqua azzurro verde, silenzio, non ci fossero stati 37 gradi sarebbe stato il paradiso e la conferma che phuket può esserci ancora, sotto a strati e strati di immondizia abitativa fatta di resort e ville faraoniche costruite da imprenditori folli ed un governo disattento, sotto al lerciume cittadino che sbatte il sesso a pagamento in faccia a chiunque passi, dove si vendono donne uomini bambini e animali facendolo sembrare parte dello spettacolo turistico. Lontano dal trambusto di patong dove il motto è: basta pagare, dove i locali sono grandi casse acustiche che battono il tempo di una città che è una grande discoteca e la spiaggia è un carnaio ricoperto di olio al lemongrass. Lontano da qui, ancora per poco, abbiamo trovato i sorrisi e la foresta, la sabbia e il sapore di un paese che sta scomparendo sotto i colpi convulsi e scoordinati del machete degli sfruttatori. Vent'anni fa dicono sia stato diverso e la cosa triste è che non lo dicono con nostalgia, mostrano orgogliosi palazzi in costruzione e ville di milionari nascoste dietro alle siepi, mostrano felici terre scavate in attesa di disastri architettonici, terre vendute per pochi bath. Mostrano e non sanno che siamo persone volubili e che tra poco anche i russi si stuferanno di caos e cemento e cercheranno un nuovo paradiso da distruggere. Guardo il mio tassista orgoglioso della montagna che manca e il suo sorriso storto quando gli dico che questo non è un buon modo per garantire futuro ai suoi due bambini e mi fa tenerezza e mi commuove il suo farmi intendere che lui la sa lunga e che un giorni diventeranno ricchi...un giorno... Ma forse quel giorno capirà che non si può tornare indietro e che nessuno porterà mai via la spazzatura che sta ricoprendo questo angolo di paradiso.
Tra vent'anni non ci saranno abbastanza edere e foreste che incombono per ricoprire lo scempio inutile che avanzerà.


See you soon baby!


domenica 13 gennaio 2013

Sawasdee

Lo so dovrei scrivere sul mio blog personale ma da qui è un po' complicato dunque...
Come promesso aggiorno le mie amiche sulla thailandia.
Sono passati...beh non ho idea di quanti giorni siano passati ma siamo arrivati da un po', oggi posso dire di aver smaltito gran parte del jet leg.
Siamo atterrati a bankog dopo quasi dieci ore di viaggio tranquillo e comodo a bordo della compagnia nazionale (grazie Alessandra, avevi ragione, perfetta!). Una volta usciti dalla porta dell'aereo la thailandia ci ha tolto il fiato, letteralmente. L'aria era irrespirabile, densa, era come mettere la testa in quello spazio che rimane tra l'acqua di una acquario ed il suo coperchio. Odore di foresta, umidità mai sperimentata.
Ecco le due ore di scalo, l'altra di viaggio e le 5 in attesa della nostra camera hanno annullato i benefici della thai Airlines ma ormai è passata :)
Abbiamo prenotato un albergo svedese, frequentato per il 90% da russi: albergo molto carino, a nord dell'isola, in uno dei punti più isolati (in vacanza non amo molto la gente...), spiaggia meravigliosa, all'interno del parco naturale, ristoranti sulla sabbia con cibo delizioso, silenzio...
Ho accennato ai russi, sembra che qui abbiano rovinato il mercato del turista, sono arroganti e prepotenti e pagando più di quanto vale quello che comprano e saltando la contrattazione che contraddistingueva la compravendita del luogo hanno trasformato gli equilibri e si sono portati via i sorrisi che caratterizzavano gli ex poco avidi abitanti del posto.
Dunque la prima impressione della thailandia é strana. I paesaggi sono favolosi, discontinui e spiazzanti ma favolosi.
La gente...beh come accennato io di sorrisi non è ho visti, nemmeno a pagamento ;)
L'unico gentile ad oggi rimane un italo francese, ecco appunto, italo.
Se possono spennarti lo fanno, ma dove non é così?
L'isola sembra soccombere sotto cemento e affaristi senza scrupoli. Verrebbe voglia di dire a tutti: ma siete matti? Ma d'altronde...lo capiranno da soli. Sembra un enorme parco giochi che sfrutta non solo le bellezze naturali ma anche gli animali.
In spiaggia girano cuccioli di elefante costretti a bere litri e litri di latte e mangiare porcherie per permettere a turisti paganti di fare foto raccapriccianti mentre gli fanno fare un inchino con i soldi nella proboscide...e poi botteghe, ovunque, falsi di marchi europei che qui non hanno valore e allora il coccodrillo della tua maglietta costosa è uguale alle centinaia di quelle che costano meno di tre euro e all'improvviso è la tua ad essere uguale alla loro e ti vergogni di esser stato tanto fesso da aver speso 40 volte tanto...e questo ti fa pensare, alla fine forse siamo noi a non aver capito un tubo.

Dunque domani affittiamo una macchina, alla ricerca della verità :)

Ps. Massaggi in una SPA all'aperto in riva al mare un'ora a 7 euro...favolosi...una attenta all'inci come la sottoscritta si é fatta spalmare olio di dubbia provenienza senza batter ciglio (quasi sicuramente olio alla citronella per lanterne).

Per ora thailandia promossa, anche se dal riassunto non sembrerebbe ma i paesaggi...da soli valgono il viaggio.

Vi aggiorno :)

martedì 1 gennaio 2013

Info

Domani il negozio rimarrà chiuso (mercoledì) ma riapriremo con orario normale (9.30-12/15.30-19) il 3,4,5,7 e l'8 dopodiché come ogni anno chiuderemo fino a fine mese circa. Grazie ancora a tutti anche perché abbiamo un nuovo record; ci é stato chiesto un solo cambio su più di 1500 regali impacchettati! :) grazie e ancora buone feste! <3
Pin It button on image hover